Diario di una schiappa. Si salvi chi può! di Jeff Kinney, trama e curiosità

Jeff Kinney è divenuto uno degli autori più amati dai bambini. Sì, perché la serie di libri intitolati “Diario di una schiappa” ha ormai fatto il giro del mondo occupando le prime posizioni nelle classifiche mondiali.

Da pochi giorni è giunto in Italia il sesto capitolo di questa fantastica saga e subito le vendite sono salite alle stelle.
Protagonista indiscusso è Gregory Heffley, detto Greg, giunto al terzo anno di scuola media.
L’ormai tredicenne racconta attraverso il suo “diario di bordo” le disavventure scolastiche e familiari che gli capitano, intervallando il testo con simpatiche vignette.
In “Si salvi chi può!” il povero Greg si troverà ad affrontare una tempesta di neve e sarà costretto a rimanere chiuso in casa con la famiglia al completo. Quello che, però, lo renderà più di tutto inquieto è l’essersi cacciato ancora una volta nei guai: è stato accusato di aver imbrattato i muri della scuola, eppure lui è convinto di non esserne l’artefice. Come fare per uscire da questo pasticcio senza troppe conseguenze? Per citare lo stesso Greg: “Se per caso fai un errore nei primi undici mesi dell’anno, non è un gran problema. Ma se sbagli qualcosa nell’ultimo mese, la paghi cara.”
Sì, perché il Natale è alle porte e finire nei guai in questo periodo dell’anno significa ricevere un sacco colmo di carbone.
Come tutti i volumi della saga, anche questo sesto episodio lascia il lettore con il sorriso sulle labbra. Lo stile fresco e scorrevole si adatta perfettamente alla fascia d’età a cui il testo è rivolto (dagli undici anni in su), ma risulta un piacevole passatempo anche per i più grandi. In conclusione, un’ottima lettura: gradevole e che si lascia leggere in fretta.
Diario-di-una-schiappa.-Si-salvi-chi-puo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>